I parametri necessari all’ottenimento del marchio eco safe sono stati selezionati tenendo in considerazione alcuni dei requisiti che possono influire negativamente sui consumatori, con particolare attenzione verso i bambini.

I parametri comprendono alcune sostanze regolamentate da riferimenti legislativi e altre sostanze che, pur non essendo soggette a limiti specificatamente contenuti nella legislazione della Comunità Europea, sono sostanze che possono essere riscontrate nei prodotti tessili e che possono essere nocive per la salute.

Ne sono un esempio i coloranti cancerogeni e allergenici, che sono oggetto di attenzione da parte delle autorità nazionali ma che non sono, attualmente, oggetto di legislazione della Comunità Europea che limiti il loro impiego nei prodotti di abbigliamento. L'impegno preso dalle aziende che utilizzano il marchio eco safe sui propri prodotti, è quello di garantire che i capi di abbigliamento destinati ai bambini vengano monitorati al fine di evitare gli effetti nocivi che possono essere connessi alla presenza di queste sostanze.

Per gli ftalati il marchio eco safe definisce delle limitazioni su tutti i capi di abbigliamento destinati ai bambini. Alcuni ftalati sono infatti banditi, a livello comunitario, solo negli articoli di puericultura e nei giocattoli. Le aziende che scelgono il marchio eco safe si impegnano a valutare la presenza di ftalati pericolosi in tutti i prodotti di abbigliamento (che contengono parti plastificate) destinati ai bambini e a verificare un numero maggiore di sostanze rispetto a quelle esplicitamente vietate nei giocattoli e negli articoli di puericultura.

La formaldeide è una sostanza che da tempo è oggetto di attenzione per gli effetti dannosi che può causare quando presente nei capi di abbigliamento, con particolare attenzione a quelli destinati ai bambini piccoli e al contatto con la pelle. Tuttavia non esiste, ad oggi, una legislazione della Comunità Europea che limiti esplicitamente la presenza di questa sostanza nei capi di abbigliamento. Alcuni Stati della Comunità Europea hanno una legislazione nazionale che limita la presenza di questa sostanza. Per apporre il marchio eco safe è necessario rispettare requisiti specifici, in relazione alla presenza di formaldeide nei tessuti e nel cuoio.

UL-ICQ ha inserito alcuni metalli pesanti tra i requisiti per l'uso del marchio eco safe . Il marchio eco safe pone limitazioni sia a metalli pesanti oggetto di legislazione comunitaria sia metalli pesanti per cui la Comunità Europea non ha stabilito limiti specifici. I metalli pesanti oggetto del requisito eco safe non devono superare i livelli di accettabilità definiti come valori massimi di concentrazione o di migrazione.

Spesso i capi di abbigliamento presentano cordoncini e coulisse che possono avere uno scopo funzionale o essere esclusivamente decorativi. Nei capi di abbigliamento destinati ai bambini questi cordoncini possono essere una potenziale fonte di pericolo in quanto, se non sono costruiti con specifiche caratteristiche, potrebbero causare gravi incidenti.

I capi di abbigliamento possono presentare tante piccole parti, come ad esempio bottoni, tiretti delle cerniere, rivetti e occhielli. Queste piccole parti presentano un potenziale pericolo per i bambini più piccoli nel caso in cui non siano ben fissate al capo confezionato.